2 girls 1 cup

Ultime notizie

MALTEMPO; COLDIRETTI PUGLIA, CRAC AGRUMI A TARANTO; CORSA CONTRO IL TEMPO PER SALVARE IL PRODOTTO BUONO

E-mail Stampa PDF

Una foto degli agrumiCrac agrumi in provincia di Taranto con gli agricoltori impegnati dalla prime luci dell'alba nella raccolta di arance e mandarini, prima della nuova ondata di maltempo che investirà la Puglia a partire da domani.
"I magazzini sono pieni di prodotto buono – dice il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Canteleche i nostri agricoltori stanno raccogliendo senza tregua prima che la pioggia imperversi nuovamente sull'area vocata della provincia di Taranto, a Massafra, Palagiano, Palagianello, Ginosa, Statte, Castellaneta. Hanno già pagato a caro prezzo l'ondata di neve e gelo che ha messo a dura prova piante e prodotti che hanno dovuto resistere a temperature gelide mai registrate prima. Resta il grave problema della risposta dei mercati e dei prezzi, con clementine vendute in campagna a 0,30€ al chilo. Le imprese agricole che si dedicano alla produzione di agrumi in provincia di Taranto con grande sacrificio e sforzo imprenditoriale sono 1.041, il 9% del totale dell'imprenditoria agroalimentare jonica".
Per questo Coldiretti Puglia organizza un flash mob sotto i portici del Consiglio regionale della Puglia in occasione della prossima Assemblea martedì 17 gennaio per promuovere la qualità del prodotto e chiedere misure urgenti in favore del comparto dopo la recente calamità, mentre dalla prossima settimana le clementine joniche saranno vendute al giusto prezzo nei 100 Mercati di Campagna Amica regionali e nelle Botteghe Italiane. In programma iniziative su tutto il territorio nazionale, grazie alla rete di solidarietà che si è messa in moto in ogni regione a beneficio degli agrumi tarantini.
"Sono inaccettabili – denuncia il Presidente della Coldiretti Taranto, Alfonso Cavallo - i prezzi pagati agli agricoltori che non riescono neanche a coprire i costi di raccolta, resi ancora più pesanti a causa dell'ondata di maltempo. Producono agrumi di eccellente qualità, come dimostrato anche dal riconoscimento comunitario IGP alle 'Clementine del Golfo di Taranto' e tale patrimonio va valorizzato attraverso un piano straordinario agrumicolo ed un sostegno al reddito dopo la calamità, considerato anche il fatto che la concorrenza sleale degli Paesi comunitari ed extracomunitari sta determinando un ulteriore calo dei prezzi di vendita del 25%. Il risultato è una diminuzione

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 16 Gennaio 2017 10:32 ) Leggi tutto...
 

MALTEMPO: COLDIRETTI PUGLIA, STOP SPECULAZIONI SUI PREZZI VERDURE FINO + 400%; BENE ESPOSTO CODACONS A PROCURE

E-mail Stampa PDF

agricolutra frutta verdura ortaggi"E' inammissibile che i prezzi delle verdure vendute in queste ore sui banchi di negozi e mercati siano schizzati – denuncia Gianni Cantele, Presidente di Coldiretti Puglia - e la colpa possa essere imputata ai nostri agricoltori, già duramente danneggiati dalla straordinaria ondata di maltempo che ha azzerato produzioni e leso strutture e impianti. Gli ortaggi in pieno campo sono andati quasi completamente distrutti e le strade bloccate hanno reso quasi impossibile le consegne. A Bari le rape, prodotto simbolo e immancabile dei consumatori, sono passate in piche da 1 euro a 4 euro con un aumento percentuale del 400%. Occorre evitare che vengano spacciati prodotti stranieri come nazionali per giustificare aumenti non dovuti. Bene ha fatto il Codacons, presentando un esposto a 104 procure della Repubblica di tutta Italia denunciando le intollerabili speculazioni sui prezzi di frutta e verdura registrate in questi giorni ".
Il mancato approvvigionamento di mercati e punti vendita sta facendo schizzare i prezzi di vendita degli ortaggi che già all'ingrosso risultano da capogiro. Ciò mentre le aziende zootecniche stanno buttando il latte che non riescono a consegnare ai raccoglitori e sono crollate le consegne dalla Puglia di ortaggi sia perché bruciati in campo sia perché i mezzi non possono ancora circolare liberamente.
"Secondo una rilevazione da noi effettuata a poche ore dalle prime nevicate – aggiunge Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Pugliasono immediatamente schizzati i prezzi all'ingrosso di rape,

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 11 Gennaio 2017 18:03 ) Leggi tutto...
 

Creazione di nuove librerie. La nota dell'Onorevole Losacco

E-mail Stampa PDF

on. Alberto Losacco"Bisogna mettere in campo strumenti per promuovere la nascita di nuove librerie, attraverso un forte coinvolgimento dei comuni, dei giovani che vogliono cimentarsi in esperienze di carattere imprenditoriale e di tutti gli operatori del settore, che possono contribuire in termini di innovazione e di sostenibilità dal punto di vista economico di tali realtà. Il tutto con l'obiettivo di costruire dei piccoli presidi, veri e propri punti di riferimento per la promozione e la crescita culturale dei territori."
Così in una nota il deputato barese del PD, Alberto Losacco.
"I dati sulla presenza di librerie presentati nel corso dell'ultima Fiera Nazionale della piccola e media

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 11 Gennaio 2017 10:41 ) Leggi tutto...
 

MALTEMPO: COLDIRETTI PUGLIA, NEVE E GELO INCESSANTI; ANIMALI IN SOFFERENZA PER CONGELAMENTO IMPIANTI MUNGITURA -30% LATTE, PERSE DECINE MLN EURO DI ORTAGGI, LATTE, SERRE, VIGNETI E AGRUMETI

E-mail Stampa PDF

Verdure bruciate a ConversanoLa Puglia continua ad essere stretta nella morsa di neve e gelo. Continua a nevicare incessantemente e per questo la conta dei danni si fa sempre più complicata e preoccupante con danni stimati in campagna di decine di milioni di euro.
"Stanno morendo gli animali perché bevono acqua ghiacciata – denuncia il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele – spesso non riescono neppure ad essere abbeverati a causa del congelamento delle condotte idriche e stiamo registrando casi di congelamento degli impianti di mungitura, tutte concause che hanno portato in pochi giorni alla perdita del 35% di latte. Quello che gli allevatori riescono a mungere in molti casi non possono consegnarlo a causa delle strade tuttora impraticabili e dell'isolamento da cui aziende agricole e zootecniche non riescono ad uscire".
Per questo Coldiretti Puglia sollecita la Regione Puglia affinché venga formalizzata la richiesta di declaratoria di stato di calamità naturale. "Va aggiunto un provvedimento legislativo – incalza il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – per il quale chiediamo l'interesse ed il pieno sostegno di tutti i Parlamentari, affinché il Governo stanzi risorse idonee ad aiutare le nostre imprese agricole e zootecniche che hanno perso prodotti, strutture e impianti produttivi. Lo scenario tarantino con i vigneti piegati irrimediabilmente sotto il peso di neve e ghiaccio, le distese di ortaggi a Bari e Foggia distrutte dal gelo e le tonnellate di latte buttate in pochi giorni impongono uno sforzo che il Fondo di Solidarietà Nazionale, attivabile con la

Ultimo aggiornamento ( Martedì 10 Gennaio 2017 16:04 ) Leggi tutto...
 

MALTEMPO: COLDIRETTI PUGLIA, LA MAPPA DEL DISASTRO PER NEVE E GELO; TRATTORE A RUVO 'SALVA' MEZZO DELLA PROTEZIONE CIVILE

E-mail Stampa PDF

I trattori della Coldiretti PugliaE' ancora parziale la mappa del disastro provocato dalla morsa di neve e gelo che ha stretto la Puglia negli ultimi giorni. Ancora bloccata la provinciale 39 Corato - Poggiorsini, dove gli agricoltori con i loro trattori stanno coadiuvando gli operatori della protezione civile nella consegna di pane nelle aree rurali tuttora isolate. E un trattore è riuscito a 'salvare' un mezzo della protezione civile rimasto bloccato da neve e ghiaccio all'altezza di Masserie Nuove in agro di Ruvo.
"La straordinaria catena di solidarietà e attività tempestiva dei nostri agricoltori – dice il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele – si sta rivelando essenziale in tutte le province più colpite da questa eccezionale ondata di maltempo, in particolare a Bari, Taranto e Foggia. Con grande spirito di abnegazione hanno messo a disposizione i trattori come spalaneve e gli spandiconcime riadattati come spargi sale sulle strade rurali e interpoderali, ma anche sulle strade asfaltate dei centri urbani e sulle statali. Ma il peggio non è ancora passato. Risultano tuttora isolate le aziende zootecniche sulla murgia nelle zone rurali di Ruvo, Corato e Santeramo. La situazione resta critica sulla Gioia del Colle - Laterza in zona Montursi, dove ci sono tuttora 2 metri di neve. Le strade provinciali 20 e 21 che collegano Laterza a Gioia del Colle, Santeramo in Colle e Altamura sono ancora bloccate e le aziende zootecniche interessate stanno buttando il latte e manca ancora la corrente elettrica".
A Santeramo sono isolate le aziende zootecniche nelle Contrade Jesce, Sgarrone e Sava. Le due strade principali bloccate sono la

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 09 Gennaio 2017 14:32 ) Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 8 di 43