2 girls 1 cup

Ultime notizie

Ponte Puglia-Polonia. Inaugurata a Bari l'Associazione Pugliese Italo-Polacca

E-mail Stampa PDF

Italia Puglia PoloniaE' stata inaugurata mercoledi 3 maggio 2017 a Bari, l'associazione Pugliese Italo-Polacca.
L'Associazione, voluta dai soci fondatori ed in particolare dal Prof. Antonio Mercurio e da Aneta Banasik dottore di ricerca in Scienze Umanistiche, e' stata presentata a tutti i cittadini della Polonia residente in Puglia, presso quella che sara' la sede di appartenenza, la Scuola "Di Cagno Abbrescia" di Bari.
L'associazione, volutamente presentata il giorno 3 maggio, giorno in cui ricorre la festa della Costituzione della Polonia, fornira' ai cittadini polacchi, consulenza e assistenza per tutti quegli

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 05 Maggio 2017 08:47 ) Leggi tutto...
 

BARI, PORTA D'ORIENTE. LA SAGRA DI SAN NICOLA 2017

E-mail Stampa PDF

Sagra 2017Siamo ormai vicini ai solenni festeggiamenti targati 2017 in onore di San Nicola Vescovo di Myra e celeste Patrono di Bari.
Alcuni eventi, come la Processione dei Resti Lignei della Cassetta della Traslazione e l'esposizione della Statua del Santo Taumaturgo hanno anticipato il ricco calendario degli eventi civili e religiosi in occasione del 930º Anniversario della Traslazione (1087-2017) che vedrà la città di Bari animarsi di fedeli e pellegrini che giungeranno anche da fuori regione e dall'estero nei giorni 7-8-9 Maggio 2017.
Il Culto di San Nicola, era già diffuso a Bari prima del 1087. Fu ulteriormente amplificato dopo lo sbarco delle reliquie. Fin dall'inizio fu avvertita l'ecumenicità della figura del Santo Vescovo di Myra. I Prodigi di San Nicola, primo fra tutti l'effluvio del Myron, meglio conosciuta come manna, dalle ossa, ovunque riconosciuti, sono connessi alle reliquie custodite

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 04 Maggio 2017 17:33 ) Leggi tutto...
 

PESCA: LA PUGLIA SECONDA REGIONE ITALIANA PER FATTURATO

E-mail Stampa PDF

Un peschereccio di Monopoli al rientro in PortoNonostante il trend negativo nel lungo periodo, si assiste ad una inversione di tendenza dai dati che vede la regione pugliese tra le prime in Italia per catture e fatturato. Previsto quasi un miliardo di euro per sostenere il settore tra il 2014-2020.
Terza regione italiana per quantitativo di catture di specie ittiche e, addirittura, seconda per fatturato sul territorio nazionale. È la fotografia della pesca pugliese nel 2015 così come emerge dall'ultimo Report Annuario del Crea, il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l'analisi dell'Economia agraria. La Regione Puglia con 26.969 tonnellate rappresenta il 14,3% del pescato totale nazionale che ha consentito un fatturato di oltre 145 milioni di euro (il 16,3% sul volume d'affari italiano). A livello regionale, infatti, Sicilia, Veneto, Marche e Puglia sono i territori con i maggiori livelli produttivi e, nell'insieme, rappresentano il 60% degli sbarchi nazionali di prodotti ittici. In termini di fatturato, Sicilia e Puglia rappresentano il 42% circa del totale in considerazione della prevalenza di sistemi di pesca che insistono su specie demersali a maggior valore unitario quali naselli, gamberi, triglie.
"Un buon risultato per la nostra regione che si scontra con l'inaccettabile ritardo del pagamento da parte del Governo del fermo pesca 2015 e 2016: quando ci sono da pagare le tasse, tutti devono essere puntuali; quando è lo stato che deve mantenere la promessa di stanziamento fondi, non ci sono mai tempi certi – dichiara il deputato pugliese Giuseppe L'Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura alla Camera La ripresa dei livelli produttivi nel settore ittico è da associare a una maggiore attività di pesca e a un miglioramento della produttività media. Le politiche di contenimento della capacità di pesca

Ultimo aggiornamento ( Martedì 02 Maggio 2017 15:08 ) Leggi tutto...
 

AL VIA LA 9° EDIZIONE DEL FESTIVAL GIORNALISTI DEL MEDITERRANEO

E-mail Stampa PDF

Festival Giornalisti del MediterraneoIn Puglia reporter a confronto sui temi dei conflitti. Tre le sezioni: terrorismo; diritti umani e Europa; turismo e marketing territoriale.
Giunge alla 9° edizione il Festival Giornalisti del Mediterraneo. L'evento è promosso e organizzato dall'Associazione "Terra del Mediterraneo", in partnership con il Comune di Otranto.
L'appuntamento, ormai consolidato nel Mediterraneo, coinvolge la Regione Puglia, Assessorato alla Cultura e Promozione Turistica; il Corecom Puglia; l'Università degli Studi di Bari Aldo Moro e il Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise.
Con il Festival, giunge alla sua 9° edizione anche l'omonimo concorso che, quest'anno, conterà tre sezioni tematiche: terrorismo internazionale; diritti umani e Europa; turismo e marketing territoriale. I candidati potranno presentare le proprie opere entro il prossimo 15 giugno. È possibile scaricare il regolamento dal sito www.giornalistidelmediterraneo.it o chiedere informazioni chiamando il numero 346.8262198.
Il concorso "Giornalisti del Mediterraneo" si rivolge a giornalisti di professione e freelance, oltre che ai giovani talenti delle scuole di giornalismo, nonché agli studenti dei corsi di laurea in Scienze della Comunicazione e mira a coinvolgere

Ultimo aggiornamento ( Martedì 02 Maggio 2017 08:38 ) Leggi tutto...
 

IMPORT: COLDIRETTI PUGLIA, ALLARME PATATE NOVELLE EGIZIANE; 1 TUBERO SU 3 E’ STRANIERO MA IL CONSUMATORE NON LO SA

E-mail Stampa PDF

Piante di patata"Usualmente le patate egiziane arrivano in Italia solo per essere stoccate e ripartire per altri Paesi europei – lancia l'allarme il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele mentre in questi giorni le novelle egiziane, nonostante siano già arrivate sul mercato quelle italiane, sono quotate fino a 0,95 euro al chilo al Centro Agroalimentare di Torino, punto nevralgico dal quale si sviluppa la commercializzazione sul mercato italiano. Il rischio è che il prodotto estero, venduto alla rinfusa in sacchi, possa arrivare in Puglia, facendo crollare il prezzo del prodotto locale, spacciando le patate egiziane per made in Italy, impossibili da distinguere perché solo di calibro leggermente inferiore. Necessario, proprio nella delicata fase produttiva che in Puglia è già partita, intensificare i controlli dei vigili dell'annona per evitare che i consumatori ignari acquistino patate provenienti da Paesi europei ed extraeuropei, dove, tra l'altro, continuano ad essere utilizzati agrofarmaci vietati in Italia, perché dannosi per la salute".
Tra l'altro, i tuberi importati dall'Egitto vengono sottoposti a controlli fitosanitari, per controllare ché le patate non siano infette da un organismo nocivo di quarantena, il batterio Ralstonia solanacearum, causa dell'avvizzimento batterico o marciume bruno della patata, il quale potrebbe a sua volta contaminare e danneggiare seriamente - in caso di diffusione - le produzioni locali.
"In Puglia va incentivato il consumo di prodotto locale, a partire dalla punta di diamante rappresentata dalla patata

Ultimo aggiornamento ( Martedì 02 Maggio 2017 14:45 ) Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 5 di 48